Post in evidenza

Lo sport vietato

Solitamente non ci sentiamo chiamati in causa dall'ignorante accostamento dei concetti più vari a quello che facciamo. Negli ultimi anni fatti di cronaca o purtroppo tragedie, come in questo caso, hanno attirato l'attenzione di giornalisti e curiosi sul parkour. Spesso i pochi secondi di un servizio non consentono altro che un approccio molto superficiale. Nel servizio del TG1 dell'11 maggio però si va un pò oltre la superficialità e si danno informazioni sbagliate. Il parkour è definito "lo sport vietato e pericoloso di scavalcare recinzioni e di saltare da un tetto all'altro per poi postare tutto in rete" e a queste affermazioni sono accostati spezzoni di nostri video, connettendo le frasi direttamente a quello che facciamo. Mai negata la componente di pericolosità che affrontiamo nella pratica, ma che il parkour, recentemente riconosciuto dalla federazione mondiale di ginnastica sia vietato è una falsità (a differenza della violazione di proprietà privata che invece è reato). Vogliamo quindi riproporre il video completo dal quale sono stati estrapolati alcuni spezzoni (nei quali, peraltro, non si scavalcano recinzioni nè si salta da un tetto all'altro), sottolineando che il parkour non è riducibile a sconsiderata incoscienza ma è un percorso di apprendimento e conoscenza continuo e quotidiano di sè stessi, dei limiti e delle possibilità del nostro corpo. Il servizio a cui ci riferiamo se, nonostante tutto, voleste vederlo lo trovate (dal min 16:00) al link http://www.tg1.rai.it/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-a10265d2-b4ac-40f3-883a-c6487b2f69b7-tg1.html#p=1


Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Non ci sono ancora tag.
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square